La poesia nell’era della precarietà ontologica